Strumenti di enforcement

Per l’applicazione del diritto prudenziale, la FINMA dispone di un’ampia gamma di strumenti di enforcement, nel cui impiego è vincolata ai principi costituzionali e amministrativi generali.

Per strumenti di enforcement s’intendono i provvedimenti mediante i quali la FINMA applica il diritto prudenziale. Le relative leggi sui mercati finanziari definiscono in quale ambito sono applicabili quali strumenti. La procedura per l’adozione di un tale provvedimento è retta dalla Legge federale sulla procedura amministrativa (PA).

Un’ampia gamma di strumenti

La gamma di strumenti di enforcement è ampia e comprende segnatamente i provvedimenti cautelari, gli ordini per il ripristino della situazione conforme, la decisione di accertamento, il divieto di esercizio della professione, il divieto di esercizio dell’attività e il divieto di esercizio dell’attività di commerciante di valori mobiliari, la pubblicazione di decisioni, la confisca e il ritiro dell’autorizzazione, la liquidazione e il fallimento. Oltre alle misure concernenti procedimenti nei confronti di persone fisiche, la watch list e la lettera concernente la garanzia dell’esercizio di un’attività irreprensibile sono strumenti centrali per l’applicazione del diritto prudenziale.

Impiego degli strumenti di enforcement

Nella scelta del provvedimento adeguato, nel quadro dei principi costituzionali e amministrativi generali la FINMA tiene conto degli obiettivi delle leggi sui mercati finanziari (tutela di creditori e investitori, lealtà e stabilità del sistema finanziario). Di conseguenza, la FINMA decide di volta in volta in base al singolo caso e alla situazione specifica quali strumenti impiegare e in che misura.