Categorie di rischio per le assicurazioni

Al fine di attuare un diverso grado di vigilanza e di impiegare efficacemente le risorse a disposizione, la FINMA classifica le imprese assoggettate alla vigilanza in cinque categorie di rischio.

L’assegnazione degli istituti assoggettati alle rispettive categorie di vigilanza è determinata in funzione del potenziale di rischio per i creditori, gli investitori, gli assicurati e l’intero sistema nonché della reputazione della piazza finanziaria svizzera. Le categorie vanno dalla 1, riservata a imprese maggiormente rilevanti in termini di dimensioni, importanza e complessità e con rischi molto elevati, alla categoria 5 per istituti con rischio basso.


La FINMA assegna le categorie principalmente in base al totale di bilancio. Le imprese di assicurazione sono attualmente suddivise nelle categorie di rischio da 2 a 5.

Categorizzazione della vigilanza sulle assicurazioni

Diversi livelli di vigilanza

Dal potenziale di rischio delle imprese dipende la scelta degli strumenti di vigilanza da utilizzare e la relativa intensità: quanto maggiore è il rischio, tanto più approfondita sarà la vigilanza. Decisivi a questo proposito sono la categoria di rischio e il rating FINMA stabilito internamente. Se un’impresa presenta parametri di rating negativi all’interno della propria categoria, il corrispondente processo di vigilanza sulla stessa viene intensificato nell’ambito di audit che evidenzia queste criticità. Grazie a una procedura basata su principi e sul rischio, la FINMA può attuare un diverso grado di vigilanza e impiegare efficacemente le risorse a disposizione.