Rinuncia all’autorizzazione e liberazione della vigilanza

Un’impresa di assicurazione assoggettata alla vigilanza della FINMA può rinunciare in qualsiasi momento alla propria autorizzazione. L’impresa di assicurazione viene tuttavia definitivamente liberata dalla vigilanza solo dopo avere adempiuto i propri obblighi derivanti dal diritto prudenziale.
Un’impresa di assicurazione assoggettata alla vigilanza della FINMA può rinunciare in qualsiasi momento alla propria autorizzazione. Tuttavia, la rinuncia all’autorizzazione non implica l’immediata liberazione dalla vigilanza poiché la FINMA deve tutelare gli interessi degli assicurati, in particolare durante la fase di liquidazione.

Piano di liquidazione soggetto all’obbligo di approvazione

La procedura di rinuncia all’autorizzazione è disciplinata dall’art. 60 della Legge sulla sorveglianza degli assicuratori (LSA). L’impresa di assicurazione deve sottoporre alla FINMA un piano di liquidazione per l’approvazione. Esso deve contenere informazioni in merito ai seguenti punti:

  • liquidazione degli impegni finanziari risultanti dai contratti di assicurazione
  • i mezzi stanziati a tal fine, e
  • la persona incaricata della liquidazione.

Liberazione solo dopo l’adempimento di tutti gli obblighi

L’impresa di assicurazione che ha rinunciato all’autorizzazione non può stipulare nuovi contratti di assicurazione nei rami interessati. I contratti in vigore non possono essere prorogati e le coperture contrattuali non possono essere estese. Solo dopo avere soddisfatto tutti gli obblighi derivanti dal diritto prudenziale, l’impresa di assicurazione è liberata dalla vigilanza e riottiene eventuali cauzioni da essa depositate.