Controlli in loco

A determinate condizioni, la FINMA può permettere alle autorità estere di vigilanza sui mercati finanziari di effettuare verifiche dirette transfrontaliere presso gli assoggettati alla vigilanza svizzeri.

Un tale controllo in loco deve essere necessario per l'attività di vigilanza dell'autorità richiedente. Sono previste due situazioni (art. 43 LFINMA).

L'autorità di vigilanza sui mercati finanziari richiedente è responsabile

  • o, nel quadro del controllo nel Paese di origine, per la vigilanza sugli assoggettati oggetto della verifica
  • o, nel suo territorio, per la vigilanza sull'attività degli assoggettati oggetto della verifica.

Oltre a queste verifiche dirette, nella prassi vengono organizzati nel territorio svizzero anche incontri informali tra gli assoggettati alla vigilanza svizzeri e le autorità estere di vigilanza sui mercati finanziari.

Per delimitare le diverse forme dello scambio di informazioni, la FINMA ha emanato una guida pratica in cui definisce il contenuto delle notifiche e delle richieste a tale riguardo, contribuendo in questo modo a facilitare nel territorio svizzero l'organizzazione di incontri tra gli assoggettati alla vigilanza svizzeri e le autorità estere di vigilanza sui mercati finanziari.