News

Comunicato stampa

La FINMA conclude il procedimento Panama Papers a carico di Gazprombank Svizzera

L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA riscontra gravi carenze nel dispositivo antiriciclaggio concernente clienti privati messo a punto da Gazprombank (Svizzera) SA. La banca ha condotto accertamenti insufficienti sui retroscena economici di relazioni d’affari e transazioni a rischio elevato di riciclaggio di denaro. La FINMA impone alla banca commerciale il divieto, fino a nuovo avviso, di avviare nuove relazioni con clienti privati.

Nel 2016, basandosi su indizi riscontrati nei cosiddetti Panama Papers, la FINMA aveva avviato accertamenti nei confronti di più di 30 banche svizzere, nel quadro dei quali ha aperto un procedimento di enforcement a carico di Gazprombank (Svizzera) SA per possibili violazioni delle disposizioni vigenti in materia di riciclaggio di denaro. Gazprombank (Svizzera) SA si focalizza sulle relazioni d'affari con la clientela commerciale, in particolare per quanto concerne i finanziamenti e le operazioni di credito commerciali. Nel suo procedimento la FINMA ha esaminato le modalità con cui, nell’ambito di una serie di relazioni d’affari, la banca ha adempiuto i propri obblighi di diligenza in materia di prevenzione del riciclaggio di denaro. I soggetti interessati erano clienti privati, incluse persone esposte politicamente tramite società offshore.

Chiarimenti insufficienti su relazioni d’affari e transazioni

Dal procedimento della FINMA, concluso a gennaio 2018, è emerso che nel periodo compreso tra il 2006 e il 2016 Gazprombank (Svizzera) SA ha violato gravemente gli obblighi di diligenza previsti dalla Legge sul riciclaggio di denaro. L’istituto ha ripetutamente effettuato la categorizzazione del rischio delle proprie relazioni d’affari in maniera scorretta o in ritardo, senza verificare con la necessaria profondità e accuratezza i retroscena di relazioni d'affari e transazioni. Inoltre, la banca non ha predisposto una documentazione adeguata: pur raccogliendo i giustificativi richiesti, spesso non ha tuttavia proceduto a una loro plausibilizzazione. Gazprombank (Svizzera) SA ha altresì omesso in alcuni casi di comunicare entro un termine adeguato le relazioni d’affari sospette all’Ufficio di comunicazione per la lotta contro il riciclaggio di denaro (MROS). Nel complesso l’organizzazione e il risk management della banca nell’ambito della lotta al riciclaggio di denaro presentano pertanto gravi lacune.

Molte di queste violazioni sono collegate a relazioni d'affari avviate dall'istituto che ha preceduto la banca (Banca Commerciale Russa SA) prima del 2009. La banca ha adottato varie misure volte a migliorare la sua organizzazione, la gestione del rischio e le funzioni di controllo. Ciononostante, alla banca è stato ingiunto di riesaminare e, se necessario, adeguare il proprio dispositivo antiriciclaggio. La FINMA sottoporrà a un rigoroso monitoraggio l'implementazione di queste misure e di quelle messe a punto dalla banca stessa, e nomina un incaricato della verifica esterno affinché sorvegli il processo.

La FINMA impone il divieto di intrattenere relazioni d'affari con la clientela privata

Alla luce delle carenze riscontrate nel dispositivo antiriciclaggio, la FINMA impone a Gazprombank (Svizzera) SA il divieto di ampliare le proprie attività con la clientela privata. Non è pertanto consentito avviare nuove relazioni d'affari con clienti privati, mentre quelle esistenti devono essere sottoposte a un rigoroso monitoraggio. Gazprombank (Svizzera) SA è inoltre tenuta a istituire in seno al Consiglio di amministrazione un comitato di rischio composto in maggioranza da membri indipendenti.

Conclusione degli accertamenti della FINMA in relazione ai Panama Papers

Sulla scorta delle rivelazioni emerse dai Panama Papers, la FINMA ha effettuato accertamenti sull’attuazione delle disposizioni in materia di riciclaggio di denaro presso oltre 30 istituti bancari svizzeri. In circa 20 casi gli accertamenti sono stati ulteriormente approfonditi. Ove necessario, nell’ambito della propria attività di vigilanza la FINMA ha imposto l’adozione di misure volte al miglioramento del dispositivo antiriciclaggio. Con la conclusione del procedimento a carico di Gazprombank (Svizzera) SA vengono contestualmente concluse anche le diverse attività svolte dalla FINMA in relazione ai Panama Papers.

La prevenzione del riciclaggio di denaro riveste grande importanza per la FINMA

La FINMA attribuisce considerevole importanza alla prevenzione del riciclaggio di denaro. Nel corso degli ultimi anni, in tale ambito l'Autorità di vigilanza ha emanato annualmente in media più di dieci decisioni di enforcement a titolo sanzionatorio e adottato misure che andavano dallo scioglimento di una banca al ritiro dell’autorizzazione per una società fiduciaria, fino alla confisca degli utili. Presso gli assoggettati ha inoltre introdotto adeguamenti alle strutture di governance oppure considerevolmente limitato l’esercizio di nuove attività. Inoltre, a causa di gravi violazioni degli obblighi di diligenza, negli ultimi anni la FINMA ha imposto otto divieti di esercizio della professione nei confronti di manager di banche e tra il 2016 e il 2017 ha avviato procedimenti di enforcement nei confronti di altri sette funzionari di banche.

Contatto

Tobias Lux, portavoce
Tel. +41 (0)31 327 91 71
tobias.lux@finma.ch

Comunicato stampa

La FINMA conclude il procedimento Panama Papers a carico di Gazprombank Svizzera

Ultima modifica: 01.02.2018 Dimensioni: 0,31  MB
Aggiungere ai favoriti