News

30 settembre 2013
Notizia
Strumenti di sorveglianza

Emendamento della Circolare FINMA in materia di obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari

La FINMA emenda la propria Circolare 2008/11 «Obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari». In futuro i commercianti di valori mobiliari potranno scegliere liberamente l'ufficio delle dichiarazioni a cui notificare le operazioni su valori mobiliari concluse fuori borsa. Le modifiche entreranno in vigore in data 1° ottobre 2013.

In Svizzera le operazioni su valori mobiliari concluse fuori borsa presso una borsa valori riconosciuta dall'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari devono essere dichiarate laddove tali titoli siano ammessi alla negoziazione presso una borsa sul territorio elvetico. Se un titolo è autorizzato alla negoziazione su più borse, i commercianti di valori mobiliari in questione hanno la possibilità di scegliere presso quale borsa adempiere il proprio obbligo di dichiarazione, conformemente a quanto previsto dall'Ordinanza della FINMA sulle borse e il commercio di valori mobiliari.

La Circolare FINMA 2008/11 limita invece le possibilità di scelta previste nell'Ordinanza per i commercianti di valori mobiliari. Al fine di ripristinare la predetta possibilità di scelta, la circolare viene pertanto emendata di conseguenza. Le nuove disposizioni entreranno in vigore in data 1° ottobre 2013.

In linea di principio, gli obblighi di dichiarazione garantiscono un adeguato livello di trasparenza nel commercio di valori mobiliari e tutelano quindi gli investitori. Inoltre, le borse devono essere in grado di monitorare non solo la negoziazione borsistica, bensì anche quella fuori borsa dei valori mobiliari autorizzati presso le stesse. In assenza delle apposite dichiarazioni, tali borse non sono in grado di dare seguito in maniera sufficiente a questo obbligo.