News

28 ottobre 2011
Comunicato stampa

Mercato ipotecario: la FINMA approva la revisione dell’autodisciplina da parte dell’Associazione Svizzera dei Banchieri

Le nuove direttive dell'Associazione Svizzera dei Banchieri hanno concretizzato i criteri qualitativi che si applicano alla concessione dei crediti ipotecari, come la sostenibilità del credito, la quota-parte di costituzione in pegno nonché le deroghe debitamente motivate alla politica creditizia (Exceptions to policy). La FINMA considera detta revisione quale progresso nella giusta direzione e miglioramento dell'autoregolamentazione.

Necessità di misure supplementari

Considerato il continuo aumento dei rischi legati alle operazioni ipotecarie, situazione ulteriormente aggravata dai tassi di interesse molto bassi, la FINMA ritiene assolutamente necessario introdurre misure supplementari volte a prevenire la concessione di crediti ad elevato rischio per il finanziamento di immobili di abitazione. Da lungo tempo la FINMA si adopera in modo attivo per contrastare questi rischi, motivo per cui dal 2010 ha notevolmente intensificato la sua attività di vigilanza sulla concessione dei crediti ipotecari ed espresso più volte pubblicamente le proprie preoccupazioni in merito a detta situazione. Dal punto di vista della FINMA occorre introdurre misure quantitative vincolanti che affianchino in via supplementare le norme qualitative annunciate in data odierna dall'Associazione Svizzera dei Banchieri. Fondandosi su questi elementi, la FINMA si pronuncia a favore dell'inasprimento delle prescrizioni in materia di fondi propri nel mercato ipotecario introdotto dal Consiglio federale il 17 agosto 2011. Con effetto dal 1° gennaio 2012, le banche dovranno disporre di fondi propri supplementari per i crediti ipotecari per i quali non vengono rispettate le usuali norme in materia di sostenibilità e di concessione dei mutui. Ciò contribuirà in maniera significativa a migliorare la situazione di rischio presso le banche attive nel mercato ipotecario. Oltre a tali misure quantitative da assumere nel quadro dell'Ordinanza sui fondi propri, è prevista limitatamente al mercato creditizio nazionale l'introduzione anche di una riserva di capitale con effetto anticiclico.

Contatto

Tobias Lux, portavoce, tel. +41 31 327 91 71, tobias.lux@finma.ch