News

23 marzo 2010
Comunicato stampa

Conferenza stampa annuale della FINMA: la stabilità, protezione e vantaggio concorrenziale

L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA si lascia alle spalle un anno turbolento. Nei suoi primi dodici mesi di vita la nuova autorità di vigilanza integrata ha dovuto affrontare un contesto economico difficile per gli assoggettati, elaborare decisioni impegnative e svolgere inchieste complesse. Nell’odierna conferenza stampa annuale la FINMA ha sottolineato l'importanza della stabilità degli istituti finanziari per creditori, investitori, assicurati, così come per la piazza finanziaria. Essa ha fatto riferimento all’entrata in vigore del Test svizzero di solvibilità nel settore assicurativo quale misura atta a promuovere la stabilità e ha evidenziato due ambiti tematici in cui intravede un’urgente necessità di intervento per la piazza finanziaria svizzera: la problematica «too big to fail» e i rischi giuridici nelle operazioni transfrontaliere con la clientela privata.

Oltre a tracciare una retrospettiva sul primo, turbolento anno dell'autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari e a presentare il primo rapporto annuale integrato del nuovo organo, durante la conferenza stampa la FINMA si è concentrata su alcuni temi salienti, che si possono riassumere con il titolo «La stabilità, protezione e vantaggio concorrenziale». Il mandato della FINMA consiste nel proteggere creditori, investitori e assicurati, così come tutelare la funzionalità dei mercati finanziari. Il mantenimento della stabilità degli istituti vigilati è l’aspetto centrale della sua attività.

Test svizzero di solvibilità SST

A titolo di esempio delle importanti misure adottate, la FINMA ha citato l’entrata in vigore definitiva del Test svizzero di solvibilità SST nel settore assicurativo. Grazie al suo sistema di solvibilità basato sul rischio, la Svizzera vanta un vantaggio concorrenziale rispetto all’UE. Una buona capitalizzazione non costituisce solo un elemento di sicurezza per i clienti, ma va indubbiamente a vantaggio anche dell’impresa di assicurazione stessa. A fronte delle esperienze maturate durante la crisi finanziaria, fattori quali stabilità degli istituti e trasparenza sui rischi sono di fondamentale importanza per i clienti.

«Too big to fail»

Un ambito in cui la FINMA dispone di strumenti di vigilanza ineguagliabili riguarda la tematica «too big to fail». La FINMA ritiene indispensabile l’adozione di misure efficaci atte a tutelare il sistema finanziario e l’economia elvetica dalle conseguenze di eventuali insolvenze delle banche rilevanti per il sistema e a evitare, nel limite del possibile, l’obbligo de facto degli aiuti statali. In questioni importanti, come ad esempio la regolamentazione dei flussi di capitale interni a un gruppo, la FINMA considera insufficienti gli attuali principi legali. Per questo motivo, in accordo con la Banca nazionale svizzera, essa presenta le sue proposte di adeguamento alla Commissione di esperti allo scopo di limitare i rischi per l'economia nazionale causati da grandi imprese. Il Direttore della FINMA, Patrick Raaflaub, ha così riassunto quest’aspetto durante la conferenza stampa annuale: «Non sarà possibile affrontare seriamente la tematica too big to fail senza l’attuazione di cambiamenti decisivi. I protagonisti della finanza e del mondo politico, così come le autorità di vigilanza saranno chiamati ad assumersene la responsabilità».

Rischi giuridici nelle operazioni transfrontaliere con la clientela privata

La FINMA ha inoltre evocato gli accresciuti rischi giuridici nelle operazioni transfrontaliere con la clientela privata. Questi rappresentano una grande sfida per la FINMA quale autorità di vigilanza, ma anche e soprattutto per la piazza finanziaria e i suoi attori nonché per gli organi politici. Negli ultimi diciotto mesi il contenzioso relativo alla consegna dei dati di clienti, così come la pressione esercitata a livello internazionale sulla piazza finanziaria elvetica hanno evidenziato l’importanza cruciale della tematica. La piazza finanziaria svizzera ha quindi il massimo interesse a evitare il pericolo, rappresentato da un inasprito quadro giuridico estero, di un'escalation della criminalizzazione di alcuni elementi del proprio modello operativo adottato finora.

Importanti informazioni per i media

I discorsi completi della conferenza stampa nonché il rapporto annuale 2009 della FINMA sono disponibili in quattro lingue.

Contatto

Dr. Alain Bichsel, responsabile Comunicazione, tel. +41 (0)31 327 91 70, alain.bichsel@finma.ch
oppure
Tobias Lux, addetto stampa, tel. +41 31 327 91 71, tobias.lux@finma.ch

Rapporto annuale 2009

Ultima modifica: 13.03.2015 Dimensioni: 1,57  MB
Aggiungere ai favoriti
Conferenza stampa annuale del 23 marzo 2010

Dr. Eugen Haltiner, Presidente del Consiglio di amministrazione: La FINMA nel 2009: retrospettiva del Presidente

Ultima modifica: 16.02.2015 Dimensioni: 0,11  MB
Aggiungere ai favoriti
Conferenza stampa annuale del 23 marzo 2010

Dr. Patrick Raaflaub, Direttore: La stabilità, un vantaggio concorrenziale che richiede un inquadramento legislativo più completo

Ultima modifica: 16.02.2015 Dimensioni: 0,12  MB
Aggiungere ai favoriti
Conferenza stampa annuale del 23 marzo 2010

Dr. Urs Zulauf: Rischi giuridici nelle operazioni transfrontaliere con la clientela privata: una sfida per la piazza finanziaria e per le autorità

Ultima modifica: 16.02.2015 Dimensioni: 0,16  MB
Aggiungere ai favoriti