Convenzioni internazionali della FINMA

Tra i compiti internazionali della FINMA è prevista la stipula di accordi di cooperazione. Si tratta di concordati amministrativi giuridicamente non vincolanti nell’ambito della cooperazione in materia di vigilanza.

Le convenzioni internazionali sono uno strumento di comprovata efficacia per una stretta e proficua collaborazione tra autorità di vigilanza. A livello internazionale la designazione corrente è Memorandum of Understanding (MoU), ma vengono impiegati come sinonimi anche Cooperation Agreement o Cooperation Arrangement. La stipula di tali convenzioni garantisce alle autorità di vigilanza la disponibilità a cooperare. Le modalità della collaborazione vengono quindi definite nel rispetto degli ordina-menti nazionali (Assistenza amministrativa).

Convenzioni bilaterali

La FINMA ha siglato convenzioni internazionali a livello bilaterale con varie autorità estere. Tale convenzioni sono uno strumento importante per agevolare la collaborazione, in particolare se la FINMA intrattiene contatti regolari con un’autorità estera. La stipula di una convenzione può altresì costituire un presupposto per l’abilitazione di assoggettati alla vigilanza svizzeri al mercato estero o viceversa (Convenzioni della FINMA ai sensi dell’art. 120 cpv. 2 lett. e LICol).

Convenzioni multilaterali

Oltre alle convenzioni bilaterali, esistono anche concordati di cooperazione multilaterali. Sia la IOSCO che la IAIS hanno infatti messo a punto un cosiddetto Multilateral Memorandum of Understanding (MMoU). Nel quadro del MMoU della IOSCO e del MMoU della IAIS viene stabilito uno standard internazionale per la cooperazione in materia di vigilanza. La FINMA, al pari di numerose autorità di vigilanza di altri Stati, ha sottoscritto entrambe le convenzioni.

In virtù del loro carattere non vincolante, dalle convenzioni siglate dalla FINMA non scaturiscono diritti e doveri opponibili in giudizio, né per la FINMA né per le autorità estere partner e/o eventuali altri terzi. Esse devono pertanto essere distinte dai Trattati internazionali. Inoltre, dato il loro carattere non obbligatorio, solitamente tali convenzioni non vengono pubblicate.