Riconoscere e ridurre i rischi, garantire la stabilità ed evitare gli interventi di sostegno

Lo scopo dei piani di risanamento e liquidazione è individuare i rischi che scaturiscono dagli istituti finanziari di rilevanza sistemica per la stabilità del sistema finanziario e individuare percorsi plausibili per far fronte alle ripercussioni negative in caso di crisi, garantendo il proseguimento delle funzioni importanti per l’economia nazionale. Gli interventi di aiuto statale devono essere evitati. Inoltre, dal piano deve emergere come procedere...
Un piano di risanamento e liquidazione (Recovery and Resolution Plan, RRP) che coinvolga l’istituto finanziario nella sua totalità e punti a conciliare le rispettive peculiarità locali contribuisce a ridurre o eliminare le differenze di carattere giuridico concernenti gli istituti finanziari operanti a livello transfrontaliero, dovute alla mancanza di un diritto in materia d’insolvenza applicabile su scala internazionale. Dovrebbero così crearsi i presupposti per liquidare in modo ordinato anche gli istituti finanziari attivi sul mercato internazionale, senza annientare valori o rinunciare a funzioni di rilevanza sistemica.

Le misure di risanamento o liquidazione devono poter essere allestite nell’arco di un fine settimana e possibilmente senza il ricorso a interventi di sostegno da parte dello Stato.

Pianificazione di emergenza nazionale e internazionale

Per le proprie banche di rilevanza sistemica, gli Stati chiedono dei piani di emergenza conformi al rispettivo ordinamento giuridico nazionale. Il piano di liquidazione globale comprende tutti i piani di emergenza nazionali delle banche di rilevanza sistemica globale
(G-SIB). Il suo scopo è armonizzare i piani di emergenza nazionali nell’ottica di una visione comune, in modo tale da consentire l’uscita dal mercato delle banche di rilevanza sistemica globale (G-SIB) secondo modalità ordinate, preservando le funzioni di rilevanza sistemica e al tempo stesso evitando distorsioni sui mercati finanziari nazionali e internazionali, nonché un eventuale annientamento di valori. In caso di liquidazione di banche di rilevanza sistemica globale (G-SIB), il resolution plan globale deve riequilibrare interessi nazionali e requisiti giuridici diversi tra loro e integrarli nei piani nazionali.

Cooperazione internazionale

La FINMA è competente per l’allestimento del piano di liquidazione delle G-SIB con sede in Svizzera. Tali istituti di rilevanza sistemica sono tenuti a fornire all’Autorità di vigilanza informazioni e dati pertinenti. L’allestimento di questo piano è un processo dinamico e richiede una proficua interazione tra la FINMA e gli istituti finanziari di rilevanza sistemica. A tal fine la FINMA collabora con le altre autorità di vigilanza estere nell’ambito dei Crisis Management Groups (CMG) istituiti ad hoc o nel quadro di contatti bilaterali o multilaterali.