La lettera di assessment

Le banche che rientrano nelle categorie di vigilanza da 1 a 3 vengono periodicamente sottoposte a un assessment formale. Il risultato della valutazione viene sempre riassunto in una lettera di assessment all’attenzione dell’assoggettato.
Scopo dell’assessment formale è valutare la banca assoggettata in considerazione delle sue attuali carenze e della classificazione del rischio da parte della FINMA. La FINMA esegue l’assessment delle banche delle categorie di vigilanza 1 e 2 su base annuale e almeno ogni due anni presso quelle della categoria 3.

Base dell’assessment

Come base dell’assessment la FINMA si avvale delle informazioni che essa stessa ha durante un anno di vigilanza: rapporti della Revisione interna, rapporti della società di audit, rapporti di gestione ecc. La FINMA integra tali documenti con le proprie conclusioni tratte a fronte delle evoluzioni a livello normativo, economico o commerciale.

Valutazione e necessità d’intervento

Al termine della valutazione formale la banca interessata riceve la lettera di assessment dalla FINMA, contenente un giudizio sulla classificazione del rischio, le eventuali carenze constatate e la conseguente necessità di misure d’intervento. La banca ha la facoltà di prendere posizione in merito per iscritto.

In alcuni casi la lettera di assessment può comportare misure prudenziali, come inchieste approfondite nell’ambito dei controlli in loco.