Strumenti della vigilanza bancaria

Ai fini della vigilanza prudenziale su banche e commercianti di valori mobiliari, la FINMA si avvale di diversi strumenti, la cui applicazione avviene secondo un approccio orientato al rischio e in maniera funzionale alla situazione.

Grazie ai diversi strumenti di vigilanza, la FINMA garantisce che gli istituti assoggettati rispettino le norme derivanti da leggi, ordinanze e circolari, ottemperando così alle condizioni di autorizzazione in modo permanente.

Nell’ambito della propria attività di vigilanza, la FINMA ricorre direttamente anche ai seguenti strumenti:

La FINMA applica tali strumenti secondo un approccio orientato al rischio e funzionale alla situazione al verificarsi di determinati eventi: in linea di principio l’intensità della sorveglianza dipende dalla categoria di vigilanza del rispettivo istituto, tuttavia la FINMA si riserva eventuali approfondimenti in base alla situazione intrinseca di determinati eventi.

Un ulteriore strumento è l’audit prudenziale svolto da società di audit esterne, che operano come estensione della FINMA. Tali attività di verifica avvengono per conto degli assoggettati e nel rispetto delle istruzioni della FINMA.