Attività della FINMA per investitori e privati

Grazie al suo operato la FINMA protegge la funzionalità dei mercati finanziari, nonché i creditori, gli investitori e gli assicurati. In tale contesto la protezione dei clienti va intesa in senso collettivo – le rivendicazioni che afferiscono al singolo individuo sono da farsi valere adendo le vie del diritto civile.

In qualità di autorità di vigilanza, la FINMA deve prioritariamente adoperarsi affinché tutti gli operatori attivi sul mercato finanziario agiscano nel rispetto delle prescrizioni e il sistema finanziario nel suo complesso conservi la propria stabilità. Per garantire tutto ciò, la FINMA emette autorizzazioni per banche, assicurazioni, borse e altri operatori del mercato finanziario, come i gestori patrimoniali di investimenti collettivi di capitale. Inoltre, la FINMA vigila sugli operatori autorizzati e procede contro di essi in caso di violazione delle norme.

Il diritto prudenziale nella protezione collettiva dei clienti

Tra gli obiettivi più importanti che la legge attribuisce alla FINMA si annovera la protezione dei clienti. Tale protezione investe la collettività dei clienti di tutte le banche e assicurazioni, nonché gli investitori. Per la comunità dei clienti è fondamentale che gli istituti finanziari assoggettati alla vigilanza restino solvibili (tutela individuale tramite la salvaguardia della solvibilità). Garantirlo rientra nei compiti chiave della FINMA che, a tal fine, si avvale degli strumenti del diritto prudenziale.

Il diritto civile per le rivendicazioni afferenti al singolo individuo

Far valere i propri interessi personali nei confronti degli istituti finanziari è compito di ogni singolo cliente, a cui spetta l’esercizio dei rispettivi diritti adendo le vie del diritto civile. Le decisioni al riguardo sono di competenza dei tribunali ordinari. Nella maggior parte dei casi è consigliabile rivolgersi prima agli organi di mediazione dei vari settori, che svolgono appunto attività di mediazione.

La FINMA osserva l’approccio degli assoggettati alla vigilanza nei confronti della propria clientela e interviene nel momento in cui la condotta di uno o più assoggettati non è conforme alle disposizioni legali. Tuttavia la FINMA non può intervenire nei rapporti (contrattuali) diretti tra istituto finanziario e cliente.

Guardia di confine del mercato finanziario

La FINMA impone l’osservanza delle leggi sui mercati finanziari anche presso gli operatori che non dispongono di alcuna autorizzazione, ma che dovrebbero averne una in ragione dell’attività che svolgono. Di conseguenza la FINMA provvede non di rado anche alla liquidazione di aziende che operano in maniera illecita, vestendo per certi versi anche i panni di guardia di confine della piazza finanziaria svizzera.

Le segnalazioni di problemi sono preziose

Per il lavoro della FINMA le segnalazioni da parte dei privati sono tanto importanti quanto le informazioni che acquisisce mediante la propria attività di vigilanza o l’osservazione del mercato. I reclami dei clienti possono mettere in luce violazioni delle leggi sui mercati finanziari o abusi perpetrati dagli assoggettati. Grazie ai problemi segnalati, la FINMA può per esempio rivolgere la propria attenzione ai fornitori di servizi finanziari che operano nell’illegalità, approfondire presunte manipolazioni di borsa o perseguire i sistematici comportamenti scorretti degli operatori finanziari. Se le segnalazioni dei clienti sono confermate, la FINMA procede contro le irregolarità adendo le vie del diritto prudenziale.