Strategia di risanamento e di liquidazione

Il fulcro della strategia di risanamento e di liquidazione della FINMA per le banche di rilevanza sistemica operative a livello internazionale è costituito da una partecipazione forzata alle perdite da parte dei creditori. Attraverso questo bail-in viene ridotta la garanzia statale implicita e ripristinato l’ordine di mercato.

Con l’Ordinanza FINMA sull’insolvenza bancaria (OIB-FINMA), la Svizzera è uno dei primi paesi a disporre di un ventaglio di strumenti che sostanzialmente consentono di attuare con efficacia un risanamento e / o una liquidazione di gruppi finanziari di rilevanza sistemica.

L’OIB-FINMA adempie i requisiti internazionali

L’OIB-FINMA assolve ampiamente le disposizioni fissate dal FSB nel suo documento Key Attributes of Effective Resolution Regimes for Financial Institutions per quanto concerne il regime d’insolvenza effettivo. Ciò è stato confermato anche dalle prime verifiche internazionali condotte nel 2013 da parte del FMI e di altre istituzioni.

L’OIB-FINMA risulta inoltre equivalente alla proposta di direttiva UE su un Framework for the Recovery and Resolution of Credit Institutions and Investment Firms e al testo normativo statunitense Dodd–Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act. Gli eventuali provvedimenti che la FINMA e la BNS dovranno adottare s’inseriscono pertanto nel contesto degli standard internazionali.

Alla luce del dubbio espresso dal Tribunale amministrativo federale circa il fondamento giuridico di determinate disposizioni dell’OIB-FINMA e in considerazione degli sviluppi internazionali in materia di standard d’insolvenza, la FINMA sta attualmente verificando l’opportunità di un reiterato fabbisogno d’intervento sul piano normativo.

Bail-in anziché bail-out

La strategia globale di risanamento e di liquidazione per le banche svizzere attive a livello globale si basa in primis su un bail-in decretato dalla FINMA, ovvero una conversione forzata dei debiti in capitale proprio. In questo modo sono chiamati a rispondere non solo gli azionisti, ma anche gli obbligazionisti. Conformemente all’approccio propugnato dalla FINMA, l’intera procedura deve essere attuata al livello supremo di gruppo e sotto la guida dell’autorità di vigilanza competente per il paese in cui il gruppo interessato ha la propria sede principale. La strategia propugnata dalla FINMA è denominata «single point of entry».

Sul bail-in poggiano poi ulteriori ristrutturazioni, quali un riassetto del gruppo, la liquidazione di singole unità o ambiti operativi, oppure la sostituzione del management. Soltanto in caso estremo, ovvero laddove il bail-in non risulti attuabile, il gruppo finanziario deve essere smembrato, con contestuale attivazione dei piani di emergenza locali.

Trasparenza circa le procedure della FINMA

Dopo aver raggiunto un accordo comune e condiviso con le autorità britanniche (Bank of England, FSA) e statunitensi (Fed, FDIC, OCC nonché autorità dei singoli Stati federali) circa la strategia di risanamento e di liquidazione, il 7 agosto 2013 la FINMA ha pubblicato tale risoluzione in un documento di posizione, nell’ottica di creare trasparenza sulla procedura adottata dalla FINMA in caso di fallimento di una banca sistemicamente rilevante a livello globale. Un’ulteriore finalità era quella di specificare che lo Stato non intende salvare banche di rilevanza sistemica utilizzando i mezzi dei contribuenti.

In prima battuta devono infatti essere chiamati a rispondere gli investitori e i creditori della banca. Con la creazione di un quadro di certezza giuridica nei confronti di questi ultimi, in futuro essi potranno prendere concretamente in considerazione la possibilità di un bail-in ai fini delle proprie decisioni d’investimento.

Le grandi banche hanno presentato i propri piani di risanamento

Sulla scorta di questi elementi sono state portate avanti le pianificazioni di recovery and resolution avviate nel 2012. Nel 2013 le grandi banche hanno presentato alla FINMA i primi piani di risanamento completi, nei quali indicano le modalità con cui possono raggiungere una fase di stabilità in una situazione di crisi e riuscire a portare avanti almeno una parte delle attività, comprese le funzioni di rilevanza sistemica, senza interventi statali.

In caso di miglioramento della loro capacità globale di risanamento e di liquidazione, ai sensi delle disposizioni in materia di too big to fail le banche di rilevanza sistemica possono beneficiare di facilitazioni per quanto concerne i particolari requisiti in materia di fondi propri. A tale riguardo, nella sua comunicazione nei confronti delle grandi banche, la FINMA ha specificato che considera la collocazione delle attività elvetiche in un’unità giuridica separata con sede in Svizzera un requisito essenziale per la concessione di un’agevolazione sui requisiti in materia di fondi propri. Sia UBS che Credit Suisse hanno annunciato a fine 2013 la costituzione di unità giuridiche autonome di diritto svizzero, in cui intendono raggruppare le proprie attività svizzere comprensive delle funzioni di rilevanza sistemica.

In parallelo, la FINMA ha lavorato alla messa a punto dei piani di ristrutturazione e di liquidazione, con l’ausilio dei quali è possibile risanare i gruppi finanziari in caso d’insolvenza imminente, oppure procedere alla loro liquidazione. A fine giugno 2013 è stato possibile finalizzare le prime versioni di tali piani per Credit Suisse e UBS, sottoponendo poi le stesse per la relativa consultazione all’attenzione della BNS e delle autorità competenti in materia di vigilanza e insolvenza di Stati Uniti e Gran Bretagna.

All’interno di gruppi di lavoro congiunti, la FINMA ha discusso il riconoscimento e la cooperazione per l’implementazione e / o l’operazionalizzazione della strategia di risanamento di tipo «single point of entry» nonché per una strutturazione mirata delle banche e delle loro attività di emissione di capitale di terzi.

Nel 2014 l’accento sarà posto tra l’altro sull’operazionalizzazione della procedura di bail-in e sull’affinamento della pianificazione del flusso operativo.

Strategia di risanamento e di liquidazione della FINMA

A fronte della problematica too big to fail per le banche di rilevanza sistemica, riveste un’importanza centrale la definizione di una strategia di risanamento e di liquidazione efficace e coordinata a livello internazionale.

 

Sanierungs- und Abwicklungsstrategie der FINMA


(Dal Rapporto annuale 2013)