Condizioni di autorizzazione dei commercianti di valori mobiliari

Per ottenere l’autorizzazione della FINMA, i commercianti di valori mobiliari devono soddisfare una serie di condizioni.

I commercianti di valori mobiliari sono imprese e persone fisiche che, agendo per proprio conto in vista di una rivendita a breve scadenza, oppure per conto di terzi, acquistano e vendono a titolo professionale valori mobiliari sul mercato secondario, li offrono al pubblico sul mercato primario o creano essi stessi derivati e li offrono al pubblico.

2008/05 Circolare-FINMA Commerciante di valori mobiliari (20.11.2008)

Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Ultima modifica: 12.08.2016 Dimensioni: 0,15  MB
Aggiungere ai favoriti

Definizione

La legislazione sulle borse identifica le seguenti categorie di commercianti di valori mobiliari.

  • Commercianti che operano per conto di clienti: commercianti di valori mobiliari che negoziano a titolo professionale valori mobiliari in nome proprio per conto di clienti e che detengono per tali clienti, personalmente o presso terzi, dei conti per il commercio di valori mobiliari, oppure conservano i valori mobiliari di detti clienti presso di sé o a proprio nome presso terzi.

  • Commercianti per conto proprio: commercianti di valori mobiliari che negoziano a titolo professionale valori mobiliari per conto proprio e a breve scadenza, conseguendo un fatturato annuo lordo di cinque miliardi di franchi svizzeri.

  • Market maker: commercianti di valori mobiliari che negoziano a titolo professionale valori mobiliari per conto proprio e a breve scadenza e fissano i corsi di singoli valori mobiliari pubblicamente e durevolmente oppure su richiesta.

  • Fornitori di derivati: commercianti di valori mobiliari che creano a titolo professionale derivati che offrono pubblicamente sul mercato primario per conto proprio o per conto di terzi.

  • Ditte di emissione: commercianti di valori mobiliari che assumono a titolo professionale fermo o in commissione valori mobiliari emessi da terzi e li offrono pubblicamente sul mercato primario.

Per iniziare la loro attività, i commercianti di valori mobiliari necessitano di un’autorizzazione e sono sottoposti alla sorveglianza prudenziale della FINMA.

Condizioni di autorizzazione

Per ottenere un’autorizzazione come commerciante di valori mobiliari, il richiedente deve soddisfare o poter soddisfare inequivocabilmente tutte le condizioni di autorizzazione. Le principali sono:

  • capitale minimo interamente versato di dieci milioni di franchi svizzeri;

  • business plan che attesti la capacità di rispettare in maniera duratura le prescrizioni in materia di fondi propri, ripartizione dei rischi e liquidità;

  • i titolari di partecipazioni qualificate e i membri degli organi direttivi (direzione superiore e direzione) offrono la garanzia di un’attività irreprensibile;

  • negli statuti, nel contratto di società o nei regolamenti si identifica con precisione, in modo oggettivo e a livello geografico l’ambito di attività; è indicato con quale tipologia di valori mobiliari, su quali mercati e per quale tipologia di clienti il richiedente opera. L’ambito di attività deve essere conforme alle possibilità finanziarie e all’organizzazione amministrativa del commerciante di valori mobiliari;

  • direzione dell’impresa a partire dalla Svizzera;

  • efficace separazione delle funzioni sul piano interno, in particolare relativamente a negoziazione, gestione patrimoniale ed esecuzione;

  • adeguate attività di rilevamento, delimitazione e sorveglianza, segnatamente dei rischi di mercato, di credito, d’insolvenza, di esecuzione e d’immagine, nonché dei rischi a carattere operativo e giuridico;

  • efficacia del sistema di controllo interno e indipendenza della revisione interna dalla direzione;

  • nomina di una società di audit prudenziale riconosciuta per la procedura di autorizzazione;

  • nomina di una società di audit prudenziale riconosciuta per la vigilanza corrente;

  • in caso di controllo estero del richiedente si rende necessaria la garanzia di reciprocità da parte degli Stati di sede dei titolari di partecipazioni qualificate;

  • se la banca fa parte di un gruppo finanziario, è richiesta un’adeguata vigilanza su base consolidata da parte di un’autorità di vigilanza riconosciuta.

Durata della procedura

Generalmente una procedura di autorizzazione a operare come commerciante di valori mobiliari dura circa sei mesi, tuttavia i tempi di elaborazione dipendono dalla qualità e dalla complessità della domanda. In caso di domande con riferimento all’estero occorre tenere conto anche dei tempi di reazione delle rispettive autorità di vigilanza estere.

Contatto per domande sulla procedura di autorizzazione

Sezione Autorizzazioni Banche (authorization@finma.ch)